News News, Eventi e Aggiornamenti su Edilizia, Costruzioni e Restauri
detrazioni risparmio energetico 2018

Detrazioni risparmio energetico 2018, cosa includono e come fare per usufruirne



News | by Maria Giovanna

Vuoi risparmiare sulle bollette del riscaldamento e dell’energia? Ci sono buone notizie per te: sei ancora in tempo per beneficiare degli ecobonus. Grazie alle detrazioni risparmio energetico 2018, è conveniente ristrutturare casa per migliorare l’isolamento termico e sostituire i vecchi sistemi usati per scaldare. Il bonus risparmio energetico 2018 rende davvero vantaggioso passare a tecnologie più efficienti. L’investimento si ripaga da solo perché puoi ridurre immediatamente i consumi e diminuire nell’arco di 10 anni le tasse che dovresti pagare. Le detrazioni risparmio energetico 2018, inoltre, ti permettono di fare del bene anche all’ambiente, riducendo le emissioni inquinanti nell’aria.

Detrazioni risparmio energetico 2018, cosa prevede la legge di bilancio.

La legge di bilancio 2018 ha confermato la possibilità di ottenere importanti detrazioni fiscali, se si eseguono lavori per migliorare le prestazioni energetiche della casa o del condominio. Si tratta di detrazioni Irpef e Ires che possono essere usate per ridurre le tasse da pagare. Rispetto al 2017 sono cambiate però le aliquote. A seconda degli interventi che si svolgono, le detrazioni risparmio energetico 2018 variano dal 50% al 65% nel caso di abitazioni private. Per i condomini il bonus risparmio energetico 2018 va dal 70% al 75%.

Detrazioni risparmio energetico 2018, quali lavori posso eseguire per poterne usufruire

Gli interventi messi in atto per migliorare l’efficienza degli edifici privati vengono suddivisi in due categorie dal nuovo ecobonus. 
Le detrazioni risparmio energetico 2018 restano al 65% nel caso si proceda con:

  • la coibentazione dell’involucro dell’edificio, applicando un cappotto termico,
  • l’installazione di pompe di calore o scaldacqua a pompa di calore,
  • il montaggio di collettori solari per produrre acqua calda,
  • la realizzazione di sistemi di building automation e di dispositivi di domotica per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento e di climatizzazione,
  • il passaggio a generatori ibridi, composti da una pompa di calore integrata alla caldaia a condensazione.

Le detrazioni risparmio energetico 2018 scendono, invece, al 50% per:

  • la sostituzione degli infissi,
  • il passaggio a impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione di classe A o superiore,
  • l’installazione di schermature solari, come tende da sole, persiane, tapparelle.
  • l’installazione di caldaie a biomassa.

Le spese che possono essere detratte comprendono sia l’acquisto dei materiali e sia per i lavori di messa in opera. Ad esempio, le detrazioni fiscali infissi 2018 riguardano il costo dei serramenti e la spesa per il loro montaggio.

Nel caso dei condomini l’ecobonus è del 70% per i lavori fatti sull’involucro del condominio e del 75% per gli interventi che consentono un miglioramento dell’efficienza energetica in estate e in inverno.
Per aumentare l’efficienza del tuo edificio affidati all’esperienza di Lovisotto Giancarlo Srl. Per la nostra impresa edile ristrutturazioni e interventi di riqualificazione energetica sono una priorità: un impegno concreto per darti una migliore qualità della vita e un migliore comfort. Usiamo moderne tecnologie e materiali d’avanguardia per costruire in modo sostenibile e abbiamo ottenuto la certificazione ambientale per la costruzione e ristrutturazione di edifici civili.

Detrazioni risparmio energetico 2018, come fare la richiesta

Per ricevere le agevolazioni fiscali risparmio energetico 2018 le spese sostenute vanno inserite nella dichiarazione dei redditi. Verranno presi in considerazione solo i pagamenti eseguiti con bonifico bancario o postale. Nei bonifici devono essere indicati la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione, il numero della partita Iva o il codice fiscale dell’impresa che ha realizzato i lavori. Solo i titolari di reddito d’impresa non sono obbligati a pagare tramite bonifico per accedere alle detrazioni risparmio energetico 2018, ma devono conservare la documentazione per provare le spese sostenute.

Inoltre entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori vanno inviati all’ENEA, l’agenzia nazionale per l’efficienza energetica, alcuni documenti:

  • la scheda informativa degli interventi eseguiti,
  • la certificazione energetica dell’edificio,
  • la dichiarazione resa dal direttore dei lavori o la certificazione del tecnico abilitato,
  • l’attestato di partecipazione ad un apposito corso di formazione, se si procede con l’autocostruzione dei pannelli solari.

Esistono, inoltre, dei limiti di spesa per le detrazioni risparmio energetico 2018:

  • 100.000€ per gli interventi di riqualificazione energetica,
  • 60.000€ per gli interventi sull’involucro dell’edificio,
  • 60.000€ per l’installazione di pannelli solari
  • 30.000€ per gli impianti di climatizzazione invernale.

L’agevolazione fiscale risparmio energetico 2018 che i condomini possono ottenere al massimo è di 40.000€ moltiplicati per il numero di unità abitative che compongono lo stabile.

Ti sembra troppo complicato? Un’impresa edile ristrutturazioni come Lovisotto Giancarlo Srl è in grado di assisterti in tutte le fasi dei lavori e nella preparazione della documentazione. Risparmiare e migliorare l’efficienza energetica non è mai stato così facile. Contattaci per maggiori informazioni.